Spezialmente.it
 
Davide Ferrari
Ultimo aggiornamento: Giovedì 3 Agosto 2006 ore 16:22
  • genere musicale: pop
  • tipo: pezzi propri
  • sito web: www.davideferrari.info" target="blank">www.davideferrari.info
  • NOTA AUTOBIOGRAFICA MUSICALE

    “La musica è la mia regina è la più elevata sensazione Che potrò mai provare e riprovare infinite volte. Forse è il sentimento più importante che valga la pena provare ed esprimere quanto l’essere al mondo e respirare. Forse è solo pari all’amore.”

    La passione per la musica mi ha portato a cantare ad interpretare e anche ad osare ad essere più sicuro di me stesso e ad affrontare al meglio la vita.
    Ho iniziato a cantare all’età di 6 anni. Sono nato e cresciuto in un periodo musicale importante e innovativo, gli anni 80, e ne sono stato influenzato enormemente.
    La primissima canzone che ho cantato e che mi ha fatto capire molte cose sul cantare e sull’interpretare è stata una cover “Love don’t live here anymore” di Miles Gregory, ricantata nell’album “Like a virgin” da Madonna, per la quale ho da sempre una vera e propria ammirazione, perché mi ha insegnato che si può sempre migliorare ed evolvere in ogni modo basta volerlo ad ogni costo.
    In ogni situazione in ogni stato d’animo comunque c’è il lato migliore, che ti fa crescere e migliorare. Qualcosa che hai dentro una grande forza di volontà è l’ostinazione per raggiungere lo scopo.

    Il mio obiettivo principale nel 2004, anno in cui ho inciso la prima canzone era riuscire a trasformare in musica un idea che avevo scritto 4 anni prima.
    Divenne la mia prima canzone, “Little baby”, dopo la quale è nato anche il mio primo gruppo i “Foolover”.
    In un anno e mezzo di collaborazione, oltre a “Little baby”, sono nate “Fever”,“ Surrender” (prima ballad che ho scritto), “Northern star”, “I don’t wanna live”, “Tell me”,“I believe” e altre che rappresentano le prime idee musicali in inglese.

    In questo anno e mezzo sono entrato a far parte anche di un secondo gruppo di musicisti i “Krazies”, con i quali avrei dovuto iniziare ad esibirmi live anche se il genere che volevano proporre era un prog\rock lontanissimo da quello che volevo e che mi piaceva cantare.

    Successivamente ho avuto il tempo di scrivere ed incidere “Midnight” un pezzo che segna un po’ la fine e l’inizio di qualcosa di nuovo e quindi della nascita di me come cantante solista.
    “Midnight” è nata pensando alla musica che ascoltavo da bambino e che ascolto ancora oggi, in particolare penso che abbia influenze alla “Depeche mode” uno dei gruppi maestri per me e rappresenta il genere che volevo fare fino al 2005. Nell’arco di tutto questo periodo ho realizzato il mio primo obiettivo e ho cercato di perfezionarmi imparando a lavorare in studio, anche se non ho avuto l’occasione e ne le persone giuste per potermi esibire live e capire cosa si prova a stare su un palco e cantare davanti ad un pubblico.

    Il 2006 è l’anno dell’inizio di qualcosa di molto importante.
    Finalmente ho trovato le persone giuste, ed in particolare una persona con cui collaborare ed ho iniziato ad esibirmi e a fare concorsi e gare tra la Liguria e la Toscana.
    Tutto è cambiato, a partire dal modo di scrivere i testi e di viverli.
    Ora compongo principalmente canzoni in italiano anche se continuo ancora a scrivere pezzi in inglese.
    Tutto è nato con la stesura della prima canzone che ho proposto di fare “Stato confusionale”.
    Si tratta di una canzone pensata nel periodo con i “Krazies” ma che solo in questo modo ho potuto realizzare veramente e nel modo migliore.
    Sono seguite diversi altri brani che dobbiamo ancora incidere ma che sono praticamente già pronti. La seconda canzone uscita da questa collaborazione è “Cometa”, prima canzone in italiano che abbia mai scritto e che solo in questo modo sono riuscito a far uscire al meglio.
    Sono seguite “Babe i want u back”, che ho cercato di rifare allontanandola dal genere dance e rendendola molto più soft e black, come piace a me, “Ancora qui”, “Heaven” nata in precedenza come canzone dance, poi rifatta in versione voce e pianoforte ed ora diventata molto rock & roll stile California alla “Red hot chili peppers” (quella che più si avvicina alla mia idea), “Lost” che nata come canzone dance e diventata una ballad lenta ora è una canzone pop\rock, “Cercami” e “In questo tempo”, simili tra loro, un po’ l’una l’evoluzione dell’altra, esprimono la mia anima soul e la passione per un certo modo di cantare, ed infine “Ricordi d’estate” scritta dal mio chitarrista, nonché maestro, tempo fa.

    In questo anno sono convinto di essere riuscito a creare un modo e un tipo di canzoni che mi facciano distinguere tra i tanti. il complimento più importante che mi hanno fatto è quello di avere una voce e di interpretare quello che canto in modo originale e di non essere ripetitivo. È per questo che cerco di interpretare sempre al massimo e di usare la voce come voglio e di non limitarmi mai. Certo non sarò Freddie Mercury ma non voglio imitare nessuno, voglio essere originale e credo di riuscire in questo.
    Originalità, è questo quello che voglio dalla musica che propongo.
    amo la musica più di ogni altra cosa e spero di riuscire a farvi emozionare presto.


    PRINCIPALI INFLUENZE
    Madonna, Depeche Mode, Stevie Wonder per quel che riguarda la formazione.
    Maroon5, Stereophonic, Coldplay sono tre dei gruppi internazionali contemporanei che più apprezzo, Negrita, Paola Turci, Carmen Consoli e Samuele Bersani, nell’ambito italiano
  • E'collegata 1 persone, 1 visitatore
  • Segnala la tua band
    • Hai una band? Cosa aspetti a segnalarla a Spezialmente?! Compila il modulo con le informazioni di cui sei in possesso o che ritieni necessarie.
Spazio pubblicitario a pagamentovai a http://www.fondazionecarispe.it
Spazio pubblicitario a pagamentovai a http://www.protezione.sp.it
Spazio pubblicitario a pagamentovai a http://www.acamspa.com
Pubblicità
Spezialmente.it, testata giornalistica on-line iscritta al Registro Stampe del Tribunale della La Spezia n. 6/08 in data 24/12/2008.
Proprietario: Sun-TIMES S.r.l. - Editore: Ass. Culturale Spezialmente.it, - Direttore Responsabile: Francesco Pelosi. Redazione: redazione@spezialmente.it