Spezialmente.it
 
Spezia, ti ricordi ancora?
Filippo Lubrano
8 Settembre 2006 ore 23:40, (Notizie: Editoriali)


Attenzione: notizia della testata giornalistica "Spezialmente", attiva dal 7.4.06 all'11.4.08


  • -
  • +
  • commenta  condivisi su:    http://www.wikio.fr  
Lunedì inizia il campionato cadetto. Dopo 55 anni, c'è anche lo Spezia. Sensazioni e atmosfere di una città che si appresta a presentarsi all'appuntamento con la storia.
Spezia, ti ricordi ancora? L’ultima volta è stata 55 anni fa, l’erba del Picco era verde forse più di ora, non c’erano torri faro e area hospitality, le macchine in Corea non si facevano ancora ma lo Spezia era comunque una fede da vivere tutti i giorni, in maniera febbrile e convulsa.

“Lo Spezia è andato in B”, ti raccontano, ma forse il concetto è da rigirare: è la B che entra dentro lo Spezia, e dentro La Spezia, con tutti gli sconvolgimenti del caso, con tutta l’attenzione che si può. Chissà se i giocatori l’hanno capito, poi, cosa vuol dire questa promozione per la nostra città. Lunedì sera, ad ogni modo, ci sarà un catino ribollente e stracolmo che proverà senza tanti panegirici a spiegarglielo, a inculcare nella testa che di battaglia si tratta, perché il calcio si fa con la metafora della guerra, è inutile starci a girare intorno. Anche il lessico è quello, attinge dallo stesso vocabolario: strategie, difese e attacchi, una volta di mezzo c’era anche il fossato, adesso un vetro infrangibile che dicono rifletta anche un po’ e crei fraintendimenti tra i giocatori. In realtà, non farà che amplificare la sensazione di ubiquità che proveranno i 22 gladiatori in campo, per un giorno padroni assoluti di una città, e poi ancora, di domenica in domenica, pardon, di sabato in sabato.
Si ricomincia da una partita già vista di recente, certo non arriva la Juve, il Napoli o il Genoa (beh, arriveranno presto), ma Spezia – Cesena propone già sfide nella sfida, un manipolo di ex col dente più o meno avvelenato (Confalone, certo, ma anche Ficagna, Santoni, Ponzo e Pagliuca) che metteranno pepe ulteriore su un match che già vale ben più di quello che la classifica possa dire.

Sarà la partita del centrocampo? Sarà la sfida tra moduli tattici a confronto, tra accoppiamenti non speculari, e dunque ad alto rischio spettacolo? Spezia – Cesena è una partita che non può essere quotata: troppe le incognite, troppo il coinvolgimento emotivo per incasellare il calcio in griglie di probabilità e percentuali.

Se esistesse un termometro del tifo, il mercurio sarebbe già strabordato fuori dalla sua colonnina, perché questi sono giorni frenetici, dove i fogli del calendario paiono immobili, e se lasci la mente libera qualche minuto, puoi star pur tranquillo che il pensiero andrà lì, fisso.

E’ la relatività del tempo che ci hanno spiegato: come quando non si rivede un parente da una vita, e in aeroporto il tempo si ferma, in quella zona franca dello spaziotempo del mondo. Ecco, l’avventura dello Spezia in serie B comincia da qui, da un momento che non ha tempo, da uno spazio che non ha luogo. I minuti si scandiranno con l’ugola, e 90 saranno interminabili e velocissimi, come questi 55 anni a guardarli indietro da lunedì sera.

Fonte: "La Gazzetta della Spezia"

Filippo Lubrano
 
Vota l'articolo
Per votare l'articolo è necessario esser registrati alla community.
Informazioni sull'articolo: 2444 letture
Commenta
Attenzione!
  • Sun-TIMES s.r.l. declina ogni responsabilità circa il contenuto dei commenti degli utenti della community relativamente agli articoli della redazione giornalistica di Spezialmente.it. L'autore dei commenti si assume interamente la responsabilità penale e civile di ciò che scrive.
caratteri rimasti
Per commentare l'articolo è necessario esser registrati alla community.
Pubblicità
Spezialmente.it, testata giornalistica on-line iscritta al Registro Stampe del Tribunale della La Spezia n. 6/08 in data 24/12/2008.
Proprietario: Sun-TIMES S.r.l. - Editore: Ass. Culturale Spezialmente.it, - Direttore Responsabile: Francesco Pelosi. Redazione: redazione@spezialmente.it