Spezialmente.it
 
Inammissibile denigrare la Corte Costituzionale
Elena Voltolini
10 Aprile 2011 ore 18:34, (Notizie: ... etc, etc...)
  • -
  • +
  • commenta  condivisi su:    http://www.wikio.fr  
Il Presidente De Siervo durante la lectio magistralis in Sala Dante ribadisce l'indipendenza della Corte e il rispetto che tutti devono alla Costituzione.
“La giustizia nella Costituzione Repubblicana per l’unità del paese”: questo il titolo della lectio magistralis tenuta questa mattina dal Presidente della Corte Costituzionale Ugo de Siervo di fronte al consiglio comunale e al consiglio provinciale della Spezia, riuniti in seduta congiunta straordinaria, e a tanti studenti. Un titolo che racchiude tutti i principali temi al centro, ormai da tempo, del confronto, e spesso dello scontro, non solo all’interno del Parlamento, ma anche tra organi istituzionali.

Incomprensioni, come le ha definite De Siervo, ritenendole “fisiologiche”, ma ribadendo che
«è inammissibile che si giunga a campagne di disinformazione sull’attività della Corte costituzionale o di denigrazione dei singoli giudici o dell’intero organo».

La Corte costituzionale, ha proseguito il suo Presidente "continuerà a rendere giustizia con totale rispetto dei suoi limiti e senso di responsabilità ma non si farà minimamente intimorire".
De Siervo, poi, controbatte a quanti hanno affermato che quando la corte dichiara l’illegittimità costituzionale di una norma di legge, nega la sovranità popolare. La questione, sostiene, deve essere vista dalla prospettiva opposta: ovvero come sia possibile che coloro che detengono il potere legislativo abbiano mantenuto in vigore o abbiano posto in essere qualcosa in aperto contrasto con quello che prevede la Costituzione. Costituzione alla quale devono porre fedeltà tutti i soggetti istituzionali e sociali, pubblici e privati, appartenenti a ogni tendenza culturale e politica».
Tendenza politiche che è invece estranea alla Corte: De Siervo ne ribadisce l’assoluta indipendenza nelle decisioni, al di là di ogni colore politico.

Ogni riferimento ad accuse e persone dell’attuale frangente politico è nascosto tra le righe, ma sicuramente non puramente casuale.


Elena Voltolini
 
Vota l'articolo
Per votare l'articolo è necessario esser registrati alla community.
Informazioni sull'articolo: 2783 letture
Commenta
Attenzione!
  • Sun-TIMES s.r.l. declina ogni responsabilità circa il contenuto dei commenti degli utenti della community relativamente agli articoli della redazione giornalistica di Spezialmente.it. L'autore dei commenti si assume interamente la responsabilità penale e civile di ciò che scrive.
caratteri rimasti
Per commentare l'articolo è necessario esser registrati alla community.
Pubblicità
Spezialmente.it, testata giornalistica on-line iscritta al Registro Stampe del Tribunale della La Spezia n. 6/08 in data 24/12/2008.
Proprietario: Sun-TIMES S.r.l. - Editore: Ass. Culturale Spezialmente.it, - Direttore Responsabile: Francesco Pelosi. Redazione: redazione@spezialmente.it