Spezialmente.it
 
Occupazione: ritorno al passato
Elena Voltolini
19 Ottobre 2010 ore 22:58, (Notizie: ... etc, etc...)
  • -
  • +
  • commenta  condivisi su:    http://www.wikio.fr  
Assemblea fiume, partecipazione altissima, acceso dibattito: all'occupazione del Costa si è arrivati in modo diverso dagli ultimi anni e alla base ci sono motivazioni, condivise o meno, ma chiaramente espresse e non "particolaristiche".
A battere tutti sul tempo sono gli studenti del Costa che, nel corso dell’assemblea fiume di ieri mattina, hanno votato a favore dell’occupazione.
Niente di nuovo, dirà qualcuno: è una storia che si ripete. Invece no, stavolta qualcosa di diverso c’è, sia nelle motivazioni che nel modo in cui si è arrivati alla decisione della forma di protesta da attuare.
Alla base di tutto, infatti, vi è la riforma Gelmini; questo significa che, sia che si stia dalla parte della nuova legge, sia che la si contesti, “in gioco” c’è il futuro della scuola italiana. Non motivazioni “particolaristiche”, che hanno abbondato negli scorsi anni, ma “generali”, ovvero non cause legate ad una singola scuola, ma al sistema scuola, quindi condivise, o almeno condivisibili, dagli studenti di tutta Italia.

Oltre che il significato, anche il “metodo” è stato diverso dal solito. Alla prima occupazione spezzina di questo anno scolastico si è infatti arrivati al termine di una assemblea lunghissima, durata dalle 8 alle 13, affollatissima, 548 i presenti, e alla quale hanno partecipato anche molti professori e la Preside dell’Istituto. Una assemblea durante la quale si è approfonditamente discusso sul “sistema scuola”, sul suo futuro e sulla direzione nella quale si dovrebbe andare. Alla fine del confronto, con 323 voti a favore, a passare è stata la linea dell’occupazione, con tutela del diritto allo studio e organizzazione di incontri tematici. Il primo, questa mattina, ha visto i ragazzi confrontarsi con un altro giovane spezzino, Brando Benifei, membro del consiglio provinciale e della commissione che si occupa di politiche scolastiche, oltre che vice presidente dei giovani del Partito Socialista Europeo.

Insomma, contrariamente a alcune occupazioni degli scorsi anni, per le quali le ragioni sono ancora avvolte nel mistero, o nell’oblio, o forse proprio non c’erano, stavolta le motivazioni della protesta sono chiare e ben presenti a tutti, condivise o meno, ma con cognizione di causa. Inoltre, contrariamente agli ultimi anni, il fronte della protesta pare compatto e variegato: a fianco agli studenti ci sono infatti anche molti professori. Quanto questo fronte sia comune lo si saprà solo con il passare del tempo, ma le indiscrezioni fanno pensare ad un Costa apripista di una protesta destinata ad allargarsi, alla Spezia e non solo.
Elena Voltolini
 
Vota l'articolo
Per votare l'articolo è necessario esser registrati alla community.
Informazioni sull'articolo: 2009 letture
Commenta
Attenzione!
  • Sun-TIMES s.r.l. declina ogni responsabilità circa il contenuto dei commenti degli utenti della community relativamente agli articoli della redazione giornalistica di Spezialmente.it. L'autore dei commenti si assume interamente la responsabilità penale e civile di ciò che scrive.
caratteri rimasti
Per commentare l'articolo è necessario esser registrati alla community.
Pubblicità
Spezialmente.it, testata giornalistica on-line iscritta al Registro Stampe del Tribunale della La Spezia n. 6/08 in data 24/12/2008.
Proprietario: Sun-TIMES S.r.l. - Editore: Ass. Culturale Spezialmente.it, - Direttore Responsabile: Francesco Pelosi. Redazione: redazione@spezialmente.it